Si può fare … Creiamo 2000 posti di lavoro in VII Municipio

Editoriale di Cinecittà Bene Comune pubblicato sul giornale Ripubblica, consegnato durante l’iniziativa del 25 Aprile al Parco degli Acquedotti. Questa breve riflessione vuole cercare di fare un bilancio rispetto a questi mesi di attività volti al raggiungimento degli obiettivi alla base della mobilitazione  del 14 Novebre 2014 contro la crisi e per la creazione di nuovi posti di lavoro nel territorio del VII Municipio.corteo cinecittà

La Rete Territoriale Cinecittà Bene Comune ha lanciato una campagna per la creazione di nuovi posti di lavoro in relazione alla produzione di servizi, diritti e riqualificazione di beni comuni. Il 14 Novembre 2014, nell’amito della giornata dello sciopero sociale, ha indetto un corteo di massa che ha attraversato via Tuscolana e le vie del quartiere con una partecipazione straordinaria di persone e di vertenze su una piattaforma condivisa di rivendicazioni in difesa dei beni comuni e del lavoro. Nel territorio del VII municipio esistono beni produttivi e siti che potrebbero rappresentare una risposta concreta alla grave situazione sociale e lavorativa in relazione ai dati preoccupanti sulla disoccupazione e sulla perdita di posti di lavoro. Questi siti sono parte integrante della piattaforma e rappresentano il percorso vertenziale di riconversione ecologica in funzione del lavoro portata avanti in modo permanente da Cinecittà Bene Comune. Continua a leggere Si può fare … Creiamo 2000 posti di lavoro in VII Municipio

Annunci

25 Aprile al Parco degli Acquedotti

25FESTA DELLA LIBERAZIONE al Parco degli Acquedotti

H 10 Mercatino Semi Urbani: coltiviamo un’altra economia

H 10.30 Lezioni di sport popolare gratuite: boxe, rugby per bambini, autodifesa, capoeira, kick boxing, taekwondo, taijiquan, pilates funzionale, may boran, tree climbing.

H 11.30 Presentazione del giornale “la R(i)pubblica”

H 13 arrivo Settimo Biciclettari

H. 13.30 pranzo sociale

h 15 ILHA BRASIL!(musica brasiliana) e SIBBENGA SUNAMU (pizzica e taranta da Salerno)

H 17 Murga Los Adoquines de Spartaco

Per tutto il giorno DJ-SET del drrrrrago coi resident djs del csoa Spartaco.

Si raccoglieranno le firme per il potenziamento e l’ampliaento del Policlinico Tor Vergata.

Cinecittà Bene Comune

REDDITO E LAVORO PER TUTTI: 21 Aprile Manifestazione alla Regione Lazio

l Il 21 Aprile anche la rete territoriale Cinecittà Bene Comune è scesa in piazza con lo striscione per protestare davanti alla Regione Lazio per il REDDITO e il LAVORO.

STIAMO RACCOGLIENDO I NOMINATIVI PER DARE VITA AD UNA LISTA DEI DISOCCUPATI CON IL SINDACATO USB PER ACCEDERE AD UN SUSSIDIO ELARGITO ATTRAVERSO I FONDI EUROPEI GESTITI DALLA REGIONE LAZIO. ISTRIVITI MANDACI UN’EMAIL A spartacosegreteria@libero.it CON NOME COGNOME E NUMERO DI CELLULARE SARETE RICONTATTATI TRAMITE SMS PER ULTERIORI INFORMAZIONI. (Sono ammessi solo disoccupati dai 30 ai 65 anni con un reddito isee inferiore ai 9 mila euro)

ROMA: CITTA’ DEI DIRITTI O DEL CONTROLLO SOCIALE?-Seminario a cura di ATTAC-Roma in collaborazione cone la Rete del Diritto alla Città presso l’ex Mediateca Rossellini

iniziativa-attac-roma-10-aprile-locandina-7

Venerdì 10 Aprile 2015 – ore 18
Mediateca Rossellini
p.za di Cinecittà 11
(all’interno locali VII Municipio)

La trappola del debito agisce ormai da anni anche nella città di Roma. Il Comune di Roma ha accettato una sorta di commissariamento da parte del governo, con l’utilizzo del debito per tagliare la spesa sociale, svendere il patrimonio pubblico e privatizzare i servizi. Sull’altare della stabilità finanziaria, si pregiudica ogni funzione pubblica e sociale del Comune.

Contro il mito di un debito alimentato ad arte e usato come arma di ricatto contro i cittadini e i beni comuni
Contro l’idea autoritaria di un “pubblico” inteso come pura funzione repressiva e di controllo sociale
Per la crescita dell’autoproduzione di socialità e servizi
Per contribuire alla difesa dei diritti, degli spazi autogestiti, della riappropriazione sociale e la democrazia partecipativa Continua a leggere ROMA: CITTA’ DEI DIRITTI O DEL CONTROLLO SOCIALE?-Seminario a cura di ATTAC-Roma in collaborazione cone la Rete del Diritto alla Città presso l’ex Mediateca Rossellini

salviamo gli studios di cinecittà – la lotta continua

abeteIl primo aprile abbiamo manifestato davanti ai cancelli degli storici Studios di Cinecittà per la salvaguardia dei posti di lavoro e contro gli esuberi ingiustificati di fronte all’arrivo di nuove e importanti produzioni e per contrastare ancora una volta, il piano cementificatorio di Luigi Abete, amministratore degli Studios. Si è nuovamente tornati a ribadire la necessità di rilanciare un vero piano di sviluppo degli Studios attraverso l’attività cinematografica e la cultura rivolgendosi principalmente al Ministero del MIBACT che in questi giorni torna a discutere nuovamente del futuro di Cinecittà. Continua a leggere salviamo gli studios di cinecittà – la lotta continua

*Super Mario di nuovo in azione contro i distacchi idrici*

gapOggi Super Mario ha riportato l’acqua a 300 persone, alle quali Acea aveva compiuto l’ennesimo distacco nonostante fosse in corso un confronto tra
Comune di Roma e azienda per trovare una soluzione al problema. Sì, il Comune di Roma questa volta è entrato in gioco, ma non come responsabile della salute dei suoi cittadini, come dovrebbe fare contro ogni distacco idrico, ma in qualità di moroso, essendo proprietario di parte dello stabile. Paradossi di una gestione dell’acqua in mano ad una società per azioni che, pure essendo al 51% pubblica, agisce come qualsiasi privato. Continua a leggere *Super Mario di nuovo in azione contro i distacchi idrici*

Ripubblicizziamo il Policlinico Tor Vergata

Parte la raccolta firme per un Policlinico di Tor Vergata funzionante, efficiente, pubblico e al servizio dei cittadini !

polQuesto doveva essere, negli intenti dell’Università e della Regione Lazio, il PTV. Nella realtà la sua amministrazione, prima pubblica ora gestita da una fondazione privata, ha avuto un bilancio economico fallimentare e una gestione in servizi per la cittadinanza peggiorata.

A tutt’oggi abbiamo:
– interi padiglioni, benché completi di macchinari e strutture, inutilizzati e con il reparto neonatale mai aperto (nonostante lo stesso PTV debba servire un municipio, il VI, con il più alto tasso di natalità della città);
– un pronto soccorso sovraffollato che funziona a fatica a causa della carenza di personale medico e infermieristico;
– carenza di posti letto in relazione alla necessità del territorio (Municipi VI e VII), uno dei più popolosi della città;
– sospensione dei filtri territoriali (come Medicina Solidale che lo stesso PTV ha creato e attivato nel territorio) dimostratosi in passato capaci di sopperire alle necessità dei cittadini stranieri e delle fasce più povere e contemporaneamente utili a ridurre gli accessi impropri al Pronto Soccorso. Continua a leggere Ripubblicizziamo il Policlinico Tor Vergata

Sciopero e presidio dei lavoratori di Caf Italia-Assifer

presidio angeloIl 25 Marzo Cinecitta Bene Comune ha sostenuto lo sciopero dei lavoratori di Caf Italia con un presidio davanti ai cancelli del deposito Atac di Osteria del Curato ed un volantinaggio presso la stazione della metro Anagnina per informare e sensibilizzare i cittadini rispetto alla lotta dei lavoratori di Caf Italia-Assifer che rischiano il licenziamento.

Bilancio: la maggioranza Capitolina “sorda” alla voce della mobilitazione

colosseoIl 19 Marzo un partecipato e variegato corteo ha sfilato dal Colosseo a Piazza del Campidoglio contro il bilancio attualmente in discussione nell’assemblea capitolina. Movimenti, dipendenti comunali e delle aziende partecipate, organizzazioni sindacali, associazioni e comitati uniti da uno slogan comune: Roma Non si Vende.
Il corteo, trasformatosi in presidio in Piazza del Campidoglio, ha richiesto che i lavori dell’Aula Giulio Cesare venissero sospesi per ascoltare le ragioni e le proposte delle molte realtà presenti. Una voce scomoda, che evidentemente non piace alla maggioranza capitolina: non è stato infatti possibile incontrare la Presidenza del Consiglio Capitolino, come inizialmente richiesto e ottenuto, a causa della mancata disponibilità della stessa Presidente Valeria Baglio, e dell’assurdo “numero chiuso” imposto alla delegazione: pretendere che l’ampiezza di una mobilitazione come quella di ieri venisse rappresentata da sole 4 persone significa non comprendere Roma… o forse non volerla ascoltare!

La rete scesa in piazza ieri continuerà però la propria azione, a partire dalla prossima settimana, che vedrà il bilancio ancora in Assemblea Capitolina, per far emergere la gravità di un atto politico che mette in vendita i diritti dei cittadini, e per continuare a tessere un’alternativa praticabile.