ACQUA, PUP, TAV, LA LOTTA PER I BENI COMUNI NON SI ARRESTA.

noi siamo dalla parte giusta.
DAMIANO LIBERO

ancora un altro giorno senza Damiano. non abbiamo tempo da perdere ne voglia di starvi a sentire, da una parte c’è un mondo fatto di privilegi e povertà, di speculazione e interessi privati. dall’altra ci siamo noi, che questo mondo lo vogliamo cambiare, non staremo mai zitti, non molleremo mai, sempre pronti a rompere i cojoni. noi siamo dalla parte giusta. non vi lasceremo mai distruggere i nostri quartiere, le nostre città, le nostre valli. vergognateve e ridatece damiano. che sia a giulio agricola per bloccare lo scempio del pup o in qualsiasi strada del mondo abbiamo bisogno di lui. damiano è nato a cinecittà, ha imparato presto a non girarsi dall’altra parte.
daje Damiano

CINECITTA’ BENE COMUNE

Annunci

OCCUPATA LA CITTA’ EDUCATIVA:VALORIZZIAMO E SOSTENIAMO UN SERVIZIO FONDAMENTALE

Salviamo le scuole dalla chiusura, difendiamo il diritto allo studio ,apriamo
un liceo classico anche in X Municipio

Questa mattina CINECITTA’ BENE COMUNE ha occupato simbolicamente la struttura
scolastica in via del Quadraro n.102 in contemporanea con la visita del
Ministro dell’istruzione, della ricerca e dell’università Profumo in una scuola
del X Municipio.
La struttura è in parte abbandonata ed in parte ospita il servizio della Città
Educativa.
L’iniziativa nasce sia dall’esigenza di valorizzare e sostenere un servizio
fondamentale come quello svolto negli anni dalla Città Educativa, depotenziato
e ridimensionato come mai in passato, sia dalla necessità di aprire un tavolo
di discussione con le amministrazioni locali di vario livello rispetto
all’apertura di un liceo classico anche in X Municipio.
CINECITTA’ BENE COMUNE ritiene infatti che la nascita di un liceo classico
possa rappresentare un elemento di qualità e ricchezza, un bene comune, di cui
è privato il territorio.
Nel pomeriggio è stata convocata un’assemblea pubblica alle ore 17 alla quale
sono stati invitati cittadini, amministratori, studenti,forze politiche e
sindacali.

CINECITTA’ BENE COMUNE

https://cinecittabenecomune.wordpress.com/

indirizzo facebook: cinecittàbenecomune ilmunicipiodegliacquedotti

CINECITTA’ BENE COMUNE

Il comitato referendario per l’acqua pubblica del decimo municipio, dopo la grande vittoria e la straordinaria partecipazione attiva dei cittadini nella campagna ha deciso di non sciogliersi ma al contrario di dare seguito alla mobilitazione e partecipazione diretta di singoli ed associazioni, costituendosi in Cinecitta’ Bene Comune, con lo scopo di contribuire a promuovere informazione

e mobilitazione su tutti gli aspetti d’interesse comune nel nostro territorio.

In quest’ottica è stata convocata una prima assemblea pubblica sulla scuola, svoltasi all’istituto Piaget, il 14 novembre scorso.

Nell’assemblea, partecipatissima, si sono discussi i problemi della scuola sul territorio, dagli asili nido all’Università di Tor Vergata e si è espressa la volontà di un impegno comune per l’individuazione di punti qualificanti su cui creare mobilitazione dei diretti interessati e di tutto il quartiere.

Nell’intento di conoscere il quartiere che quotidianamente viviamo anche nei suoi aspetti storici e culturali, Cinecittà Bene Comune intende sviluppare una serie di incontri pubblici di risveglio della memoria, da tenersi presso lo storico stabile della “Torretta” in piazza Dei Consoli, tornato in possesso ed uso del quartiere dopo una decennale battaglia contro la burocrazia ed il disimpegno delle istituzioni capitoline ed ora in uso e gestione del centro anziani.

Agli incontri che verteranno sulla storia, crescita e  organizzazione sociale del quartiere,  parteciperanno testimoni,  esponenti ed esperti del nostro territorio, secondo il calendario di seguito illustrato.

19 gennaio ore 17 “La guerra nelle strade del Quadraro”

resistenza e rastrellamento del Quadraro, come si viveva in quegli anni:

proiezione di un film sul cinema Quadraro, partecipano

De Cesaris, Aurelio del Quadraro.

27 gennaio ore 17 “Miseria e nobilta’ nel boom economico

sviluppo urbanistico e sociale negli anni 50 e 60, contraddizioni sociali ed economiche in un periodo di crescita della ricchezza e delle differenze sociali, partecipano:

Pirone,Prasca, Don Sardelli

27 febbraio ore 17 “Che roba contessa …”

Cinecitta’ vegli anni 70 e 80 lotte sociali, impegno politico, crescita dei movimenti di emancipazione e liberazione, partecipano:

N.D’Erme,V. Porcelli, V.Mantelli, P.Frau

Cinecittà Bene Comune

incontri tutti i mercoledì ore18,00 c/o C.S.O.A. Spartaco via Selinunte.

seguici su fb

Cinecittàbenecomune Ilmunicipiodegliacquedotti

NO AI PUP. VIALE GIULIO AGRICOLA LIBERA

Cinecittà Bene Comune prende parte attivamente alla lotta insieme agli abitanti del quartiere contro il tentativo di abbattimento dei platani di viale Giulio Agricola per realizzare i parcheggi sotterranei(Pup). Anche venerdì mattina è stato evitato l’ingresso delle ruspe nel cantiere e l’abbattimento dei platani. Nel frattempo un gruppo di cittadini ha occupato gli uffici del Dipartimento del Comune di Roma competenti fino a quando non è stato finalmente concesso un incontro con Vannini,il delegato del Sindaco per la questione parcheggi. La delegazione ha poi elencato tutte le irregolarità e le motivazioni del dissenso richiedendo lo stop immediato del progetto o perlomeno una sospensione. Vannini ha concluso con l’impegno di una maggiore attenzione alla questione “Giulio agricola”. Si invitano tutti i cittadini del X Municipio a partecipare al presidio di Lunedì 16 Gennaio dalla mattina in viale Giulio Agricola e all’appuntamento delle 16.30 in Campidoglio per cercare di ottenere un incontro con il Sindaco fantasma Alemanno, il solo che ha il potere di bloccare la realizzazione del Pup.

CINECITTA’ BENE COMUNE

FERMIAMO IL PUP DI VIALE GIULIO AGRICOLA

Cinecittà Bene Comune prende parte alle iniziative per impedire la realizzazione del PUP di Viale Giulio Agricola esprimendo la sua contrarietà ad un opera che si presenta come non adeguata ai problemi del traffico e della mancanza di parcheggi della zona e come un intervento che i cittadini hanno più volte rifiutato. Non a caso sono state raccolte più di …4000 firme contrarie. Dalle Istituzioni di tutti i livelli è stato ignorato come troppo spesso accade il parere dei cittadini favorendo interessi privati basati su un progetto (Piano Urbano Parcheggio) oramai desueto e incapace di dare risposte ad un territorio che rispetto alla mobilità e all’ inquinamento soffre da sempre per la sua densificazione insostenibile.
Cinecittà Bene Comune esprime solidarietà al coordinamento “Salviamo viale Giulio Agricola” e agli abitanti del quartiere davanti al tentativo di abbattimento dei platani del viale per realizzare dei parcheggi sotterranei(Pup). Anche la seconda mattina è stato coraggiosamente impedito l’accesso al cantiere delle ruspe ed è stato richiesto un intervento immediato da parte del Sindaco Alemanno, ancora senza risposta, per la sospensione dei lavori e l’annullamento del Pup. Continueremo a sostenere le ragioni dei cittadini rispetto agli interessi dei privati e della speculazione. Continueremo a presidiare viale Giulio Agricola dalle ruspe e dalle trivelle nella convinzione che i platani e la sicurezza dei cittadini siano un bene comune per tutto il territorio del X Municipio.

Cinecittà Bene Comune

Comunicato delle “Officine resistenti Roberto Scialabba” sullo sgombero dei locali appena riaperti in via Ponzio Cominio 112

 

Il 13 dicembre alcuni cittadini del X Municipio, riuniti nell’associazione “Officine Resistenti Roberto Scialabba”, decidevano di riappropriarsi di uno degli innumerevoli locali sottratti dallo Stato alla criminalità organizzata e lasciati colpevolmente vuoti e abbandonati dal Comune di Roma. Il giorno 31 dicembre, però, abbiamo appreso con sconcerto che lo stesso Comune, quello del nepotismo e degli appalti truccati, del malaffare e amico dei palazzinari, decideva con solerzia di porre sotto sequestro i suddetti locali appena riqualificati e tenuti aperti dai cittadini stessi.

Invece di occuparsi dei ben più gravi problemi sociali della città di Roma, il sindaco decide così di impedire sul nascere progetti e tentativi di riqualificazione del territorio, che avevano anche il forte appoggio del municipio in questione. Il Comune che per anni si è riempito la bocca di retorica sulla violenza politica, decide di chiudere con la forza un luogo dedicato proprio ad uno dei morti degli anni settanta. Un morto di serie B, evidentemente, per la giunta che purtroppo ci governa. Sarà forse per l’amicizia fra il Sindaco Alemanno e Francesco Bianco, che faceva parte della banda di sicari di Roberto Scialabba quel 28 febbraio del 1978.

Il Comune ha così deciso, senza ascoltare né i cittadini che avevano riaperto i locali, né il X Municipio che dovrebbe rappresentare l’ente di prossimità territoriale del Comune, né la Polizia stessa, di sequestrare i locali e farli tornare all’abbandono per chissà quanti altri anni. Contro l’arroganza del comune, la nostra battaglia per la riqualificazione dei locali di via Ponzio Cominio 112 è appena iniziata.

 

“Officine resistenti Roberto Scialabba”

2-1-2012